Categoria (it-it)

ISTI News è una iniziativa del CNR-ISTI: una newsletter elettronica (in lingua inglese) per permetterci di comunicare facilmente con le comunità scientifiche nazionali e internazionali. La nostra intenzione è fornire informazioni sulle nostre attività e diffondere i nostri risultati e riconoscimenti più importanti.

Privacy policy e Cookie policy

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 in materia di protezione dei dati personali (di seguito “GDPR”), della Raccomandazione n. 2/2001 del Gruppo di lavoro ex art. 29 e del Provvedimento generale del Garante Privacy in materia di cookie dell’8 maggio 2014, n. 229 recanti disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, informiamo che i dati personali mantenuti e diffusi attraverso il presente sito (https://www.isti.cnr.it) sono trattati nel rispetto della normativa soprarichiamata  e degli obblighi di riservatezza cui è tenuto l’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione “A. Faedo” (CNR-ISTI).

Dati di contatto

Titolare e Responsabile del trattamento

Il Titolare del trattamento è il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Piazzale Aldo Moro, 7, 00185 Roma (IT)

PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il punto di contatto del Titolare per l’esercizio dei diritti dell’interessato per i trattamenti nell’ambito dell’Istituto CNR-ISTI è il Direttore di Istituto raggiungibile al seguente indirizzo: via G. Muruzzi, 1 56124 Pisa

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Responsabile per la Protezione dei Dati del CNR (anche noto come DPO o RPD) è contattabile al seguente indirizzo:

Responsabile della protezione dei dati del CNR, Piazzale Aldo Moro, 7, 00185 ROMA, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Finalità e trattamento dei dati

In questa sezione sono contenute le informazioni relative alle modalità di gestione del CNR-ISTI in riferimento al trattamento dei dati degli utenti del sito.

La presente informativa è resa solo per i suddetti siti dell’Istituto e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall’utente tramite link esterni.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso.

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informa che il trattamento dei dati personali del sito attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti in relazione al raggiungimento dei fini istituzionali dell’Istituto, o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità di trasparenza, comunicazione, ricerca e divulgazione scientifica ed analisi per scopi statistici, di didattica e di amministrazione, ai sensi dell’art. 6, comma 1, lett. e) e, in particolare, al fine di fornire e migliorare i servizi web offerti.

Tali dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Modalità di trattamento e conservazione

I dati saranno conservati per il tempo necessario al conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679.

CNR-ISTI non adotta nel sito web istituzionale alcun processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione, di cui all’articolo 22, paragrafi 1 e 4, del GDPR 2016/679.

Diritti degli interessati

Gli interessati hanno il diritto, in qualunque momento, di chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. dal 15 al 22 del Regolamento UE 2016/679.

L’interessato può esercitare questi diritti tramite istanza al Titolare del trattamento dati.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto inoltre il diritto di proporre reclamo al Garante della privacy quale autorità di controllo (https://www.garanteprivacy.it).

Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte.

Questo Sito utilizza Cookie tecnici per salvare la sessione dell'Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso. Per la loro installazione non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
L’utente può bloccare o limitare la ricezione di Cookie attraverso le opzioni del proprio browser. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. Tuttavia, disabilitando completamente i cookie nel browser potrebbe non essere possibile utilizzare alcune funzionalità del sito.

Persone per nome

A


^

B


^

C


^

D


^

E


^

F


^

G


^

K


^

L


^

M


^

N


^

P


^

R


^

S


^

T


^

V


^

Z


^

A


^

B


^

C


^

D


^

F


^

G


^

I


^

J


^

K


^

L


^

M


^

N


^

O


^

P


^

R


^

S


^

T


^

V


^

Y


^

Z


^

ISTI ha numerose collaborazioni attive con istituzioni, istituti di ricerca e università, sia a livello nazionale che internazionale. Riconoscendo l’impatto fondamentale delle azioni di formazione nel consolidamento della società dell’informazione e nella disseminazione di metodologie e tecnologie sviluppate da ISTI, l’istituto investe notevoli risorse sia nella formazione di studenti e giovani ricercatori, che nelle attività didattiche sviluppate in collaborazione con molte sedi universitarie tra cui, anche per ragioni di prossimità e di solidità del rapporto di collaborazione, si citano le tre università pisane: Università di Pisa (Dip. di Informatica e Dip. di Ingegneria dell’Informazione), Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant'Anna.

 

Un istituto di ricerca delle dimensioni di ISTI (più di 200 dipendenti e collaboratori) deve strutturare il personale in modo chiaro e congruente con le varie e diverse tematiche disciplinari su cui si sviluppa l’attività di ricerca.

Pertanto, ISTI si è organizzato in Laboratori di Ricerca tematici, ognuno dei quali gode di completa autonomia scientifica ed è coordinato da un ricercatore esperto. Il personale quindi afferisce ai laboratori di ricerca (in toto o in quota parte).

Una caratteristica positiva degli ultimi anni è quella di una sempre più intensa collaborazione tra laboratori, che si concretizza in svariati progetti di ricerca, approvati su fondi esterni, pensati, nati e gestiti grazie ad una intensa collaborazione inter-lab.

I laboratori di ricerca sono caratterizzati da obiettivi ed interessi di ricerca fortemente tematizzati; normalmente sono anche attivi su tematiche di sviluppo e trasferimento tecnologico, sviluppando anche azioni di formazione e didattica. Il team di un laboratorio include personale di ruolo, visitatori, post-dottorati, studenti di dottorato o Master, con un numero medio di collaboratori per laboratorio nell’ordine delle 15 unità.

Istituto di Scienza e Tecnologie dell'Informazione "Alessandro Faedo" - ISTI

ISTI-CNR è un istituto del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), afferente al Dipartimento di Ingegneria, ICT e Tecnologie per l'Energia e i Trasporti (DIITET). ISTI-CNR è il maggiore istituto CNR attivo sui temi dell’informatica (circa 230 dipendenti, a cui vanno aggiunti gli studenti di vario livello) ed ha sede in Pisa. È stato fondato nel 2001, con l’unificazione dei preesistenti istituti CNUCE e IEI.

ISTI-CNR sviluppa ricerca scientifica di eccellenza nel settore della Computer Science; è attivo su molte diverse tematiche di ricerca del settore informatico ed è organizzato in 13 laboratori di ricerca tematici. ISTI è attivamente coinvolto in collaborazioni con molte università e centri di ricerca (nazionali ed internazionali), partecipa a consorzi di ricerca e a progetti di ricerca, ha una intensa attività di supporto infrastrutturale alla ricerca e di trasferimento tecnologico verso il mondo delle imprese e le amministrazioni pubbliche.  ISTI attribuisce grande importanza anche all'attività di formazione, supervisionando e coinvolgendo nelle attività di ricerca laureandi, allievi di dottorato e studenti di post-dottorato; numerosi ricercatori ISTI sono titolari di docenze in corsi di laurea, scuole di dottorato o master, sia organizzati dalle Università pisane che di altre sedi nazionali o internazionali.

Risultati e notizie delle attività ISTI sono regolarmente pubblicati sulla newsletter “Isti News”.

Per ogni richiesta di iinformazioni contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione “Alessandro Faedo” (ISTI) è stato costituito nel 2002 dall’unione di due Istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR): l’Istituto CNUCE e l’Istituto di Elaborazione dell’Informazione (IEI). ISTI è stato intitolato ad Alessandro Faedo, già Rettore dell’Università di Pisa e Presidente del CNR, a riconoscimento del suo importante contributo allo sviluppo della Scienza e delle Tecnologie dell’Informazione nella comunità accademica italiana. L'Istituto, situato  nell'Area della Riceca CNR di Pisa, è diventato pienamente operativo nel 2002.

Obiettivi

L'Istituto è impegnato nella produzione di eccellenza scientifica e nel ruolo attivo nel trasferimento tecnologico.
Il dominio di competenza copre la scienza dell'informazione, le tecnologie correlate e una vasta gamma di applicazioni. L'attività dell'Istituto mira ad accrescere le conoscenze, sviluppare e testare nuove idee e ampliare le aree di applicazione.

Il settore della scienza e tecnologie dell’informazione si distingue per la rapidità con cui progredisce negli sviluppi tecnologici e per le strette interazioni fra le varie realtà della comunità della ricerca e fra il mondo accademico e ampi settori dell’industria, dei servizi e della società nel suo insieme. La ricerca nel campo della scienza dell’informazione e delle sue tecnologie, per essere vitale ed efficace, richiede costante attenzione e rapida reazione agli stimoli e alle nuove opportunità. Un requisito ulteriore è la stretta integrazione di tutte le componenti della comunità di ricerca. ISTI, pertanto, è attivamente coinvolto in collaborazioni con le università e partecipa a consorzi di ricerca e a programmi di sviluppo, sia nazionali sia internazionali. Oltre a stimolanti attività di ricerca libera e di base, ISTI è attivo su un alto numero di progetti approvati su bandi competitivi, tra cui a livello internazionale spiccano i progetti finanziati dalla Commissione Europea (EC) e dal European Research Council (ERC). La qualità dei risultati prodotti è anche misurabile usando i comuni sistemi di indicizzazione delle pubblicazioni e del loro impatto, come ad esempio Scopus o Google Scholar (tra i valori numerici prodotti è degno di nota il fattore h-Index, che fornisce un indicatore di prolificità e qualità della produzione scientifica del un singolo ricercatore).  

L’Istituto attribuisce grande importanza anche all’attività di formazione, coinvolgendo gli allievi di dottorato e gli studenti di post-dottorato nelle attività di ricerca collaborando ai corsi di laurea dell’Università di Pisa e di altre università.

ISTI afferisce al Dipartimento Ingegneria, ICT e tecnologie per l'energia e i trasporti del CNR, ma vanta anche attività di ricerca rilevanti nei progetti dei Dipartimenti Scienze umane e sociali, patrimonio culturale e Scienze fisiche e tecnologie della materia.

 

ISTI in numeri

Le attività di ISTI ed i relativi risultati possono essere ben riassunti da una serie di dati numerici:

120 riicercatori, 12 laboratori di ricerca, 50-60 studenti, 111 progetti EC, 1 ERC AdG, 250 pubblicazioni all'anno, 37 ricercatori con H-ind maggiore di 20, numerosi software open source che servono un'ampia community

Il dato relativo al H-index riporta dati pubblicati da Google Scholar (Dic. 2019).

Le radici di ISTI

Riteniamo sia importante mantenere memoria storica, quale legame forte con le proprie radici, ed al contempo anche fornire gli strumenti che permettano a noi di coltivarla ed a terzi di farla propria.

Come accennato precedentemente, ISTI ed IIT affondano le loro radici nella storia di due preesistenti istituti CNR – il CNUCE e l'Istituto di Elaborazione dell'Informazione (IEI) - che prima di essere fusi in ISTI hanno fornito importanti contributi alla storia dell’informatica italiana, da due diverse angolazioni e sensibilità.

Le origini dell'Istituto di Elaborazione dell'Informazione (IEI) risalgono al 1954 quando l'Università di Pisa, su consiglio del premio Nobel Enrico Fermi e sostenuta finanziariamente dalle province di Pisa, Lucca e Livorno, decise di progettare e costruire un computer destinato interamente ad uso scientifico, il primo in Italia. Fu così fondato il Centro Studi Calcolatrici Elettroniche (CSCE) e nel 1961 fu inaugurata la CEP - Calcolatrice Elettronica Pisana.

Nel 1962 il CSCE divenne parte del CNR e nel 1968 fu ribattezzato Istituto di Elaborazione dell'Informazione (IEI).

Il CNUCE (Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico) fu fondato il 5 luglio 1965 come centro nazionale di calcolo con l'obiettivo di fornire un valido supporto informatico per le facoltà universitarie nazionali. Il CNUCE nacque nell’ambito dell’Università di Pisa, su iniziativa del Rettore Alessandro Faedo, a seguito di una convenzione tra la stessa università e IBM Italia.

Nel 1973 il CNUCE divenne un Istituto del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), all’interno del Comitato di Ingegneria e Architettura. Oltre al necessario supporto economico per lo sviluppo di servizi informatici che da allora si stavano diffondendo anche in Italia, l'inserimento nel CNR fornì al CNUCE una struttura adeguata a condurre anche attività di ricerca in Informatica, costituendo quindi un notevole progresso per l'Istituto e dandogli gli strumenti per evolvere da centro di calcolo puro ad un istituto di ricerca in informatica che fosse anche fornitore di servizi.

La storia dei due istituti è stata ricostruita in una serie di contributi pregressi, di cui forniamo qui un indice ragionato (inclusivo di titolo, luogo di pubblicazione e link):

  • Una pubblicazione che descrive l'evoluzione dell'informatica pisana CNR a partire dalla CEP: Il CNR dopo la CEP", dagli atti del convegno "La CEP prima della CEP: storia dell'informatica", Pisa, Italy, 11-12 novembre 2011, pp. 41–66, 2013. [link: "2013_CNR dopo la CEP.pdf"]
  • Il più recente articolo sulla storia del CNUCE è stato pubblicato nel 2016 per il Museo AICA a cura del precedente direttore di ISTI, Claudio Montani [link: “2016-IS-001_Storia CNUCE per AICA.pdf” ]
  • Un lavoro più dettagliato, ma precedente di vari anni, relativo alla storia del CNUCE, con titolo “Il CNUCE tra i primi Centri di Calcolo in Italia” ed a cura di G. De Marco, G. Mainetto e R. Medves è stato pubblicato sulla Rivista di Informatica AICA, vol.XXX, n. 3, settembre-Dicembre 2000, pp. 163-181 [link: “2000-IS-001_CNUCE RivistaInformatica AICA.pdf” ]
  • Alcune foto storiche della sala macchine del CNUCE sono pubblicate sulla pagina web in cui sono stati organizzati i documenti [detta pagina include un tab per l’acceso alle foto]
  • Una pubblicazione realizzata per il venticinquennale della fondazione del CNUCE, pubblicata dal CNR nel Luglio 1990, ripercorre la storia dell’istituto mediante vari interventi di scienziati e fondatori, tra cui A. Faedo, G. Capriz, G. Torrigiani, S. Trumpy, L. Modica. [link: “1990-IS-006_25 anniversario fondazione CNUCE.pdf”]
  • Un dépliant del 1986 che illustra i servizi di calcolo offerti dall’istituto [link: “1986-IS-001_Depliant Servizi Calcolo CNUCE.pdf”]
    Un fascicolo di presentazione del CNUCE del 1977 [link: “1977-IS-001_Fascicolo presentazione CNUCE.pdf”]
    Gli atti di un Convegno sui Centri Universitari di Calcolo tenutosi a Pisa il 10-11 dicembre 1965 in cui compariva un contributo sul nascente CNUCE a firma del prof. G. Torrigiani, edito a Pisa da Industrie Grafiche Lischi [link: “1965-IS-001_Atti Convegno Centri di calcolo universitari.pdf”]
  • Un esempio di documento storico che descrive l'organizzazione, i temi di ricerca e i risultati di un istituto di ricerca informatico nel 1974, in questo caso l'IEI-CNR di Pisa: "Istituto di Elaborazione della Informazione, Pisa: Attivita' svolta 1974", pp.66  [link: "1974-report IEI-CNR.pdf"]
  • Il testo della convenzione tra Università di Pisa e IBM Italia sulla base del quale vide la nascita il CNUCE, 1965 [link: “1965_convenzione_UniPi_IBM_per_CNUCE.pdf” ]
  • Il CNUCE ha contribuito in modo sostanziale alle origini di Internet in Italia. La storia dell’avventura di Internet in Italia è stata raccolta e raccontata dal prof. Luciano Lenzini sul sito web "Le Origini di Internet in Italia" (http://www.originiinternetitalia.it/ ); da questo sito sono stati recuperati alcuni dei documenti qui listati).
  • Il prof. Gianfranco Capriz ha raccontato la storia del CNUCE e dell’informatica pisana in un recente videodocumentario intitolato “Le origini dell’Informatica e del Networking a Pisa: Gianfranco Capriz racconta”, disponibile su YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=l2MiwdP_XTI&feature=youtu.be ).
    La storia della Calcolatrice Elettronica Pisana (CEP) e della fondazione del Centro Studi Calcolatrici Elettroniche (CSCE), progenitore dell’IEI, è stata narrata dal prof. Piero Maestrini in “La Calcolatrice Elettronica Pisana (CEP), una storia che sembra una leggenda”, in “La nascita dell’informatica in Italia”, a cura di Luigi Dadda, POLIPRESS, 2006 [link: “2006_Università di Pisa - CEP_Maestrini.pdf”]
  • Il sito web “Pisa, culla dell'Informatica” presenta la storia della CEP (Calcolatrice Elettronica Pisana) e fornisce accesso ad alcuni documenti; è stato realizzato nel 2009 per il cinquantenario della CEP (http://www.cep.cnr.it/ ).
  • Una pubblicazione che descrive le attività ed i primi risultati del CSCE: "Il Centro di Studi e la Calcolatrice Elettronica dell'Università di Pisa", Giugno 1961, pp.28 [link: "1961-CSCE.pdf"]
  • La lettera di Enrico Fermi del 1954, in cui lo scienziato consigliava il Rettore dell’Università di Pisa Enrico Avanzi ad investire denaro nella progettazione di un calcolatore elettronico, e la successiva risposta di Avanzi a Fermi [link: “1954_lettera Fermi.pdf” e “1954_risposta Avanzi a Fermi.pdf”]

Tutti i documenti menzionati, insieme ad altri, sono conservati in una collezione di documenti storici accessibili all’URL http://story.isti.cnr.it/